Top
Effetti della Riflessoterapia sull'ipertensione essenziale - Studio Yume
225
post-template-default,single,single-post,postid-225,single-format-standard,mkdf-bmi-calculator-1.0,mkd-core-1.1,wellspring-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-no-behavior,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-full-width-wide-menu,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Effetti della Riflessoterapia sull’ipertensione essenziale

Effetti della Riflessoterapia sull’ipertensione essenziale

Lo studio “Effects of foot reflexology on essential hypertension patients” (Effetti della Riflessologia plantare su pazienti con ipertensione essenziale) della Korean Society of Nursing Science, pubblicato nell’Agosto 2004 dalla rivista scientifica Taehan Kanho Hakhoe Chi, ha valutato gli effetti della Riflessoterapia su pressione sanguigna, livello di lipidi sierici e qualità della vita di pazienti con ipertensione essenziale.

Per questo studio, 34 soggetti ipertesi sono stati divisi in due gruppi: a un primo gruppo (1) composto da 18 soggetti, sono stati somministrati 2 trattamenti di Riflessoterapia a settimana per 6 settimane (dal 23/06/2003 al 31/08/2003) e auto-trattamenti 2 volte a settimana per 4 settimane; al secondo gruppo (2) di controllo non è stato somministrato alcun intervento.

I risultati nel gruppo (1) sono stati:

  • significativa diminuzione della pressione sistolica (la cosiddetta “massima”)
  • nessuna diminuzione significativa della pressione diastolica (la “minima”) rispetto al gruppo (2)
  • nessuna diminuzione significativa del colesterolo totale rispetto al gruppo (2)
  • significativa diminuzione dei valori di trigliceridi nel sangue
  • significativo miglioramento della qualità della vita

I risultati dello studio hanno dimostrato che la Riflessologia plantare è un intervento infermieristico efficace nella riduzione della pressione sistolica, nella riduzione dei valori di trigliceridi nel sangue e nel miglioramento della qualità della vita.

Si rendono necessari ulteriori studi che coinvolgano più pazienti per un maggiore periodo di tempo, allo scopo di indagare gli effetti della Riflessoterapia su livelli di colesterolo e sull’abbassamento della pressione diastolica; è inoltre raccomandata ulteriore ricerca per operare un confronto tra Riflessologia somministrata da un operatore qualificato e Riflessologia auto-somministrata.

L’abstract dello studio qui tradotto è consultabile online all’indirizzo: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15502439

Condividi i nostri articoli sulle tue pagine! Non dimenticarti di citare la fonte a inizio articolo: www.studioyume.it

Chiara Lancerin
Chiara Lancerin