Top
Interpretazione psicosomatica delle disarmonie di nuca e trapezio - Studio Yume
927
post-template-default,single,single-post,postid-927,single-format-standard,mkd-core-1.1,wellspring-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-no-behavior,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-full-width-wide-menu,mkdf-search-dropdown,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Interpretazione psicosomatica delle disarmonie di nuca e trapezio

Interpretazione psicosomatica delle disarmonie di nuca e trapezio

 

Con il termine “tratto cervicale” in anatomia si richiamano il rachide cervicale (ciascuna delle sette vertebre che costituiscono l’asse di sostegno del collo e della testa), la fascia cervicale (struttura connettivale che circonda i muscoli, i vasi e gli organi cervicali), gli stessi muscoli appartenenti a questa zona (sternocleidomastoideo, trapezio etc) e i nervi che vi decorrono.

In Psicosomatica questa zona del corpo è molto importante: dato che simboleggia l’incontro tra le esigenze del mondo esterno e la nostra capacità di farvi fronte, è spesso coinvolta in diversi blocchi energetici. Il valore simbolico del tratto cervicale sta nel suo essere un vero e proprio “crocevia” tra il capo e il resto del corpo. Esso, infatti, ci fa pensare all’idea che nasce dentro la testa e si incontra con il desiderio di agire, da cui derivano la sua concretizzazione oppure la nostra incapacità di metterla in pratica.

La colonna cervicale inoltre richiama il saper guardare verso un determinato scopo, prendere in considerazione le diverse sfumature di una certa situazione; saper dire di no, oppure adattarsi e piegare la schiena; la paura che ci capiti qualcosa tra capo e collo (la famosa “spada di Damocle”).

L’idea, nata dal cervello, scende lungo il collo (la nuca) dove incontra l’energia del torace (il soffio vitale). Idea e desiderio si combinano nella nuca, prima di esteriorizzarsi per mezzo delle spalle, e concretizzarsi in azione attraverso braccia e mani.

I desideri e la volontà sono sul punto di emergere: il collo è il luogo in cui il concetto generato dal cervello incomincia, cioè, a proiettarsi verso il mondo: la nuca è l’emergere di un’idea che cerca di concretizzarsi. I dolori alla nuca esprimono i nostri blocchi, le difficoltà che abbiamo nel concretizzare un desiderio, che è ostacolato da contrarietà e problemi.

Lo stesso si può affermare per il dolore alla spalla, con una piccola differenza: il dolore alla nuca parla del fatto che viviamo la situazione di conflitto come se essa risultasse dalla nostra incapacità, abbiamo cioè l’impressione di non essere in grado di compiere qualcosa per nostra inettitudine; se invece il dolore è localizzato alla spalla parla di una una mancanza di sostegno, di essersi scontrati contro un’ostacolo esterno: non ci si sente abbastanza spalleggiati da chi ci circonda.

Collo e nuca rappresentano certamente il passaggio delle idee, ma anche la capacità di adattarsi o di dar prova di umiltà (piegare la schiena). Il torcicollo potrebbe far pensare al rifiuto di affrontare una data situazione, per un rifiuto di considerare tutti gli aspetti di una situazionenon si può dir di no (ossia non si può fare il gesto di voltare la testa a destra o a sinistra), e a seconda del lato colpito, il torcicollo ci rimanderà alla difficoltà di guardare a…

cerv

Un’altra immagine che ci viene in mente a proposito della nuca è quella della spada di Damocle, come una paura che se ne sta sospesa a mezz’aria, la paura che qualcosa ci capiti tra capo e collo. Molte persone tengono la nuca rientrata fra le spalle, con i trapezi contratti, come se la famosa tegola stesse davvero per colpirli, e si sentissero quindi in dovere di inarcare la schiena. Claudia Rainvinne chiede in tal caso ai pazienti: “Che cosa la fa sentire insicuro?”.

I muscoli trapezi, situati tra la nuca e le spalle, collegano il desiderio (la nuca) e il suo esteriorizzarsi (la spalla). Il dolore ai trapezi può tradurre la paura di esteriorizzare i nostri desideri, per tema delle reazioni altrui, sicché finiamo per portare la nostra croce. Questo blocco descrive la paura di vivere nel modo in cui vorremmo, la difficoltà nel comunicare agli altri le nostre necessità per tema delle loro reazioni, da cui deriva una scarsa condivisione dei compiti, e una vita trascorsa a far fronte a tutto, in attesa della famosa tegola.

Il gibbo provocato da una contratturacervical-diagram cronica dei trapezi farà sporgere la settima vertebra cervicale come una gobba. Questa contrattura, cronica e di vecchia data, è qualcosa di cui perlopiù non siamo consapevoli, e risulta dalla vecchia abitudine di reagire agli eventi inarcando la schiena, come i gatti; finisce perlopiù in artrosi, o in periartrite alle spalle, perché dal punto di vista energetico la spalla dipende molto dalla nuca e dai trapezi.

Queste contratture cervicali sono responsabili di diversi ulteriori disturbi, come vertiginimal di testa e, più raramente, sinusiti. È un errore sottostimare il ruolo della nuca nella genesi di questi disturbi.

Le contratture cervicali simboleggiano in sostanza una sorta di blocco tra il progettare e l’agire, e posso manifestarsi, talvolta, con un acuto dolore quando l’azione è troppo pesante da portare avanti, cioè quando diventa un fardello.

cerv2

Roger, 42 anni, dirigente d’azienda, aveva dovuto cessare ogni attività professionale per lunghi mesi, a causa delle vertigini dovute alla sindrome di Ménière. Le vertigini si presentavano all’improvviso, e la stanza sembrava girare così vorticosamente che Roger doveva sedersi e aggrapparsi a qualcosa, e questo per diversi minuti, parecchie volte al giorno. I disturbi comparvero poco dopo un avanzamento di carriera, e il relativo carico di responsabilità che Roger non pensava di potersi sobbarcare. Quando mi confidò la sua apprensione davanti a queste nuove responsabilità, descrisse la cosa, in modo spontaneo e senza pensarci, in questi termini: “Mi fa venire le vertigini“. L’uso di questo termine non era una coincidenza; mi limitai a guardarlo in silenzio, e fu solo in quel momento che l’uomo accostò il termine al sintomo: la vertigine psicologica davanti all’ampiezza del nuovo compito, e la vertigine fisica, come risultato. Era stato solo parlandomene che aveva preso coscienza, e molti malati fanno questi accostamenti solo quando ci si dispone ad ascoltare i loro sintomi in modo diverso, e a udire che cosa sta nascosto dietro all’apparenza. È così che funziona la metafora: è un mezzo semplice per dirci le cose, ma nel contempo non ne cogliamo il senso(La malattia cerca di guarirmi di Dott. Philippe Dransart, Edizioni AMRITA )

In questo articolo del blog ( Auto-trattamento per nuca e trapezio ) che invitiamo a leggere per completare quanto appreso in questa pagina, ragioniamo sul fatto che, se è vero che togliere la tensione emotiva allevia la tensione somatica, è vero anche il contrario: alleggerire la tensione del corpo aiuta a risolvere quella emotiva. Proponiamo quindi alcune pratiche di auto-trattamento (esercizi di streching e rilassamento, digito pressione su punti specifici di agopuntura, zone indicate in Riflessologia plantare).

Auto-trattamento per le zone di nuca e trapezio in caso di dolore o tensione tramite Digitopressione e Riflessologia

Condividi i nostri articoli sulle tue pagine! Non dimenticarti di citare la fonte a inizio articolo: www.studioyume.it

Chiara Lancerin
Chiara Lancerin