Top
Sopravvivere 9 giorni in una grotta: fattori ambientali, fisiologici e psicologici - Studio Yume
7329
post-template-default,single,single-post,postid-7329,single-format-standard,mkd-core-1.1,wellspring-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-no-behavior,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-full-width-wide-menu,mkdf-search-dropdown,elementor-default

Sopravvivere 9 giorni in una grotta: fattori ambientali, fisiologici e psicologici

Sopravvivere 9 giorni in una grotta: fattori ambientali, fisiologici e psicologici

È notizia di questi giorni il ritrovamento dei 12 ragazzini e del loro allenatore sopravvissuti dopo aver trascorso nove giorni in una grotta in Thailandia. In questi casi giocano un ruolo fondamentale fattori ambientali, fisiologici e psicologici.

(Articolo di G.S. Canova pubblicato il 04/07/2018 su Nurse24.it consultabile al link https://www.nurse24.it/specializzazioni/emergenza-urgenza/bambini-intrappolati-grotta-sopravvissuti-thailandia.html )

Sopravvivere in una grotta, cosa ha salvato i bambini thailandesi

La vicenda di questi sventurati componenti di una squadra di calcio Thailandese sta facendo il giro del mondo ed occupa le prime pagine di tutti i quotidiani e telegiornali.

I 12 bambini che, assieme al loro allenatore, si erano avventurati all’interno di una grotta rimanendovi però intrappolati a causa di un monsone, sono stati trovati vivi e in discrete condizioni dopo nove giorni di ricerche: è stimato che siano situati a una distanza di 2 km lungo la grotta e a circa 1 km dalla superficie.

In questi casi, per sopravvivere così a lungo devono incastrarsi perfettamente tre condizioni: ambientali, fisiologiche e psicologiche.

Chiara LancerinChiara Lancerin
Chiara Lancerin