Top
Il tè come blanda medicina - Studio Yume
7476
post-template-default,single,single-post,postid-7476,single-format-standard,mkd-core-1.1,wellspring-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-no-behavior,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-full-width-wide-menu,mkdf-search-dropdown,elementor-default

Il tè come blanda medicina

Il tè come blanda medicina

Il tè è  considerato da sempre, nell’ambito della Medicina Cinese, oltre che una piacevole bevanda, anche una medicina capace di prevenire e curare vari disturbi. Non a caso il tè è la bevanda più diffusa al mondo (dopo l’acqua) e vedremo che lo è con buone ragioni. Infatti, oltre ad essere un bevanda di buon sapore e a basso contenuto calorico, ha numerosi effetti benefici.

Che cos’è il tè esattamente?

Si tratta di un infuso di foglie essiccate e lavorate di Camellia sinensis, una pianta arborea di origine asiatica. La pianta del tè, originaria della Cina, è stata successivamente coltivata ampiamente anche in India e Sri Lanka.

Viene utilizzato in Occidente principalmente come bevanda voluttuaria, e poco si conosceva fino a qualche decennio fa delle sue azioni terapeutiche. I tè terapeutici sono dei tè pregiati, cresciuti in terreni e climi particolari, e sottoposti a particolari trattamenti.

Si tratta, sempre e comunque, innanzitutto di bevande di buon sapore. Questi particolari tipi di tè assunti con finalità specifiche possono, grazie a un uso regolare e protratto, svolgere una azione preventiva e terapeutica di molti disturbi.

 Il tè in salute e malattia

I vari tipi di tè

Essi possono essere raggruppati in due grandi categorie.

  • Tè verdi – qing cha (derivano dalla pianta Camellia sinensis): le foglie sono cotte al vapore, arrotolate ed essiccate immediatamente dopo la raccolta in modo da bloccare il processo di ossidazione. Le foglie conservano il loro colore verde invece di divenire nere.
    È il tè più usato in Cina e ha soprattutto azione astringente.
    Rientra nella categoria dei tè verdi anche il cosiddetto tè bianco, che è il meno trattato, in quanto le giovani foglie vengono semplicemente raccolte ed essiccate all’aria.
  • Tè neri – hong cha (i cinesi lo chiamano in realtà rosso-hong dal colore che assume l’infuso e deriva più spesso da coltivazioni di Camellia assamica): si lasciano appassire le foglie senza essiccarle per non bloccarne la fermentazione. I tè indiani sono tutti neri.
    Il tè nero è il più forte in sapore e possiede un contenuto di caffeina più alto del tè verde.
    Il tè Tuo cha o Puer cha è tè nero con lieve aroma di affumicato. Facilita la digestione di carne e grassi, neutralizza gli effetti tossici dell’alcool, promuove la diuresi. Svolge azione ipolipemizzante: l’uso regolare abbassa e mantiene bassi i livelli di colesterolemia.
    Il tè Oolong o Wulong cha è una varietà blanda di tè nero; non viene sottoposto a fermentazione completa: è, perciò, leggermente meno ossidato del tè nero e contiene meno caffeina, rispetto al primo. Diuretico e digestivo, è utilizzato soprattutto nel trattamento dell’obesità.
    Vi sono poi i tè aromatici, ottenuti per aggiunta di altre piante che ne modificano il profumo e talora le qualità; il più famoso ed usato in Cina è quello al gelsomino. Il tè in salute e malattia

 

Tre sono le sostanze chimiche contenute nel tè che ne determinano le sue azioni specifiche:

  • La caffeina, che in quantità moderate stimola il sistema nervoso centrale, favorisce la circolazione del sangue e stimola la diuresi. La caffeina contenuta nel tè – di qualunque tipo – é sempre di molto inferiore a quella contenuta nel caffè.
  • Gli olii essenziali (aromatici) determinano il profumo del tè; essi aiutano la digestione e favoriscono la emulsificazione dei grassi.
  • I polifenoli, cui vengono attribuite, tra l’altro, azioni anticancerogene. I polifenoli naturali sono responsabili dell’azione astringente e dissetante; e questa azione è più accentuata nel tè verde, rispetto agli altri tè.

Va anche aggiunto che il tè verde contiene più olii essenziali e meno caffeina del tè nero. Altre sostanze ad azione medicamentosa contenute nel tè sono le vitamine C, B1, B2 e K; la niacina, l’acido folico, il manganese, il potassio, il fluoro, il calcio e il ferro.

Il tè come blanda medicina

Qui di seguito descriviamo le proprietà medicinali più note del tè: esse sono continuamente confermate dalla ricerca moderna.

  • Azione di riduzione del contenuto di colesterolo e grassi nel sangue
    Il tè Oolong sembra essere più efficace rispetto al tè verde e al tè nero nel ridurre la colesterolemia; altri ricercatori ritengono che il tè Puer cha (un tipo di tè pressato – mescolanza di polvere di tè verde e nero) sia ancora più efficace a questo scopo.
    L’assunzione regolare di questi tipi di tè sia è di grande aiuto nella prevenzione dell’arteriosclerosi.
  • Azione dimagrante
    Il tè Oolong mescolato ad altri rimedi fitoterapici aiuterebbe a dimagrire. E’ un vero e proprio tè medicinale indicato soprattutto per chi abitualmente si ciba di alimenti di difficile digestione (grassi, fritti, carni rosse).
  • Azione antinvecchiamento
    Il tè aiuta a vivere bene e a lungo. La stimolazione delle funzioni corporee, il rafforzamento del sistema immunitario, il miglioramento della digestione, la protezione delle arterie e del cuore sono alcuni dei motivi per cui il tè assicura una lunga vita. Inoltre va ricordato che la presenza di fluoro assicura una protezione dello smalto dei denti, rafforza le ossa e previene l’osteoporosi.
  • Azione germicida
    E’ stato ripetutamente documentato questo effetto nei confronti di vari batteri. Assunto sotto forma di decotto, il tè è particolarmente utile nei confronti della dissenteria bacillare e amebica, nelle enteriti e gastroenteriti e nel cosiddetto “piede d’atleta”. Il il decotto di tè raffreddato è utile per alleviare, se applicato localmente – sotto forma di impacchi – il bruciore nelle ustione di primo grado e nelle congiuntiviti acute.
  • Azione di regolazione della glicemia
    Xiaoke cha (o Ciao Che tè) vale a dire “tè per il diabete” è un tè verde che viene prodotto da piantagioni di oltre cent’anni nella zona di Nanchino: è raro, pregiato e leggero; l’uso costante e regolare migliora la tolleranza al glucosio e riduce la glicemia.
 Il tè come blanda medicina

Le azioni terapeutiche proprie delle differenti tipologie di tè

 Il tè come blanda medicina

Fonte: Terapie per la Lunga Vita

Chiara LancerinChiara Lancerin
Chiara Lancerin