Ansia e Dolori Mestruali con lo Shiatsu

Ansia e dolori mestruali hanno qualcosa in comune? Spesso non ci si pensa, ma la risposta è sì. E si rischia anche di cadere in un circolo vizioso in cui le due realtà si alimentano vicendevolmente.

Recentemente, abbiamo parlato del problema dell’ansia in questo articolo : Ansia : Il posto sicuro è dentro di te!, cerchiamo ora di capire come essa si relazioni con il ciclo mestruale. 

Per prima cosa ricordiamo un concetto importante : noi stiamo bene quando siamo in equilibrio, quando il nostro organismo è in omeostasi (capacità degli organismi viventi di mantenere stabili le condizioni interne al variare di quelle esterne). Questo equilibrio è in gran parte mantenuto dai sistemi ed apparati del nostro corpo.

L’ansia è la risposta alla possibilità di un evento stressante. La visione, in Medicina Tradizionale Cinese, di una esasperata preoccupazione, ci aiuta a comprende un’emozione che si lega molto agli aspetti cognitivi, tanto che alcuni pensano sia specifica dell’essere umano. Si differenzia dalla paura, anche se spesso la differenza è molto sottile,  perché può essere a-specifica (essere in ansia e non sapere perché) e a-temporale (essere in ansia per qualcosa che non è nel presente, ma che potrebbe essere nel futuro prossimo o remoto). 

Nella relazione psico-somatica il cortisolo è l’ormone che più ci interessa tra quelli legati all’ansia. Lo stato ansioso, infatti, tende ad aumentarne la produzione. Il cortisolo tende ad aumentare lo stato infiammatorio, e questo, vedremo è un aspetto che lega l’ansia ai disturbi durante il ciclo.

L'ansia è la risposta alla possibilità di un evento stressante. La visione, in Medicina Tradizionale Cinese, di una esasperata preoccupazione, ci aiuta a comprende un'emozione che si lega molto agli aspetti cognitivi, tanto che alcuni pensano sia specifica dell'essere umano.

Il ciclo mestruale descrive le fasi in cui il corpo di una donna si prepara alla possibilità di accogliere una nuova vita e si rinnova per un’altra possibilità. In genere viene suddiviso in  quattro fasi :

  • Fase follicolare
  • Ovulazione
  • Fase luteale
  • Fase mestruale

Nel caso del ciclo mestruale c’è un delicato equilibrio che vede come protagonisti una serie di ormoni, i cui valori possono oscillare nel tempo entro certi parametri, ma quando le oscillazioni escono da questi parametri, i sistemi di controllo devono compiere dell’extra attività che può portare ai dolori mestruali.

Nella fase luteale l’ormone protagonista è il progesterone, il cui compito è preparare l’ovulo e l’ambiente ad una possibile gravidanza. Il progesterone ha un forte effetto sedante e tranquillante. Evidentemente questa funzione viene disturbata da un eccessiva presenza di cortisolo, che abbiamo visto essere caratteristica degli stati ansiosi.

Quando non avviene la fecondazione, l’ovulo viene espulso e il terreno (parete endometriale) viene cambiato per prepararsi ad accoglierne uno nuovo.

Per permettere queste attività, avvengono vari processi :

  • infiammazione controllata, che permette il distacco delle pareti endometriali.
  • contrazioni dell’endometrio, e quindi dell’utero, 
Bassi valori di progesterone e alti valori di cortisolo si rifletteranno con una infiammazione non controllata, e una maggiore tensione : da questo ai disturbi mestruali il passo è breve.
I valori di progesterone, inoltre, sono influenzati non solo dal cortisolo, ma da tutto l’equilibrio ormonale, dall’alimentazione e dall’ambiente in cui si vive.

 

Nella fase luteale l'ormone protagonista è il progesterone

Per chiudere il ciclo di relazione con l’ansia, lo sbilanciamento ormonale in favore di reazioni attacco-fuga (tra cui adrenalina e cortisolo)  e il conseguente abbassamento di ormoni legati a reazioni riposo-digestione (tra cui serotonina, ossitocina, estrogeni e progesterone), porta ad un maggior stato ansiogeno: occorre maggiore energia per restare concentrate e non farsi prendere da “brutti pensieri”. 

Perso l’equilibrio tipico della omeostasi, le disfunzionalità del ciclo e degli stati ansiosi possono alimentarsi fra loro.

Per intervenire in questo ciclo vizioso è importante aumentare stimoli che attivino la fase riposo-digestione e, successivamente, riportino l’equilibrio.

Per questo scopo lo Shiatsu può essere un valido aiuto. La pratica stessa invita al rilassamento, al lasciare andare ed il lavoro dell’operatore può andare a stimolare reazioni volte al ripristino dell’equilibrio.

Trattamento Shiatsu Gambe

E’ possibile anche unire il trattamento di zone del corpo e punti attivi seguendo i criteri indicati dalla Medicina Tradizionale Cinese.

In questo caso, cercheremo il riequilibrio del Movimento Terra: esso comprende Milza-Pancreas e Stomaco, favorisce la centralità, la forza per essere stabili in se stessi, portando il livello del pensiero da “preoccupazione” a “riflessione”, e abbassando il livello di ansia.

Inoltre l’organo energetico Milza-Pancreas, che ha funzioni di regolazione sulla quantità e qualità del Sangue, ha un ruolo non secondario nella qualità e nell’equilibrio del ciclo mestruale.

 

Affrettati! Fino al 31/07/2020 hai una grande opportunità!

Prova un ciclo di 3 trattamenti per l'ansia in offerta speciale

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
L'offerta è terminata!

3 trattamenti shiatsu

Trattamenti per alleviare ansia e dolori mestruali
€120
110
  • Colloquio con l'operatore
  • Trattamento personalizzato (60')
  • Strategie per autotrattamento
Popolare
 

Per le immagini si ringrazia:

Freepik
Foto di Polina Zimmerman da Pexels
Foto di Sebastian Voortman da Pexels
 

Se desideri citare il nostro articolo, ricorda di inserire la fonte Studioyume.it!

Torna su