Top
Linfodrenaggio - Studio Yume
825
page-template-default,page,page-id-825,mkdf-bmi-calculator-1.0,mkd-core-1.1,wellspring-ver-1.5,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-no-behavior,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-default,mkdf-full-width-wide-menu,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Linfodrenaggio

12-linfodrenaggio

 

Il linfodrenaggio ha lo scopo di favorire la circolazione della linfa e il suo deflusso nel circolo sanguigno, drenando e rimettendo in circolo i liquidi periferici del corpo che potrebbero, in presenza di determinate condizioni, ristagnare nello spazio interstiziale ed accumularsi fino a creare il linfedema.

linfedema

Il massaggio linfodrenante vero e proprio è sempre preceduto dalle cosiddette “aperture“, ovvero gli svuotamenti dei gangli linfatici superficiali su cui la linfa si riversa una volta messa in circolazione.

Il linfodrenaggio è un trattamento delicato e richiede precisione e dolcezza. Il ritmo del massaggio è lento, come lentamente scorre la linfa: movimenti bruschi e veloci pregiudicano l’esito del trattamento e rischiano di rallentare ulteriormente il deflusso dei liquidi.

Indicazioni

Il linfodrenaggio è indicato per le seguenti situazioni:

  • Riduzione di edemi, gonfiore, Prova-costume-inizia-il-conto-alla-rovescia_o_su_horizontal_fixedcellulite. Questi fattori si presentano in caso di stasi linfatica come conseguenza di malattie renali o epatiche, insufficienza venosa degli arti inferiori, periodo premestruale, gravidanza, termine dell’allattamento, cambi di stagione, necessità di mantenere una posizione eretta per diverse ore al giorno, postumi di traumi. La riduzione del gonfiore si associa ad una depurazione del tessuto trattato, grazie all’allontanamento di scorie e tossine insieme al ricircolo della linfa.
  • Angiologia. L’indicazione più nota del linfodrenaggio riguarda stasi linfatiche e venose a livello degli arti inferiori, in particolare nel trattamento della cellulite di cosce e bacino.
  • Stimolo immunitario e accelerazione dei processi di guarigione. Il drenaggio linfatico stimola il sistema immunitario dei linfonodi, l’allontanamento di scorie e tossine, la guarigione e la corretta cicatrizzazione delle ferite prevenendo la formazione di tessuti cicatriziali in eccesso (cheloidi), pertanto è consigliata nel periodo postoperatorio, in prevenzione alle lesioni da decubito negli anziani o nelle persone allettate per lunghi periodi, ustioni, traumi e ulcere varicose.
  • Stimolo e rieducazione del microcircolo. Aiuta a riequilibrare i difetti della circolazione periferica, caratterizzati da mani e piedi sempre freddi e dalla comparsa di geloni.
  • Pelle del viso tonica, luminosa e giovane. Il linfodrenaggio migliora la condizione della pelle, soprattutto del viso, rimuovendo le stasi linfatiche, favorendo la microcircolazione del sangue e il ricambio delle cellule epiteliali, prevenendo la formazione di borse, rughe e donando al volto un naturale aspetto liscio e luminoso.

herbelia-mamme-a-spillo-08

  • Rilassamento e favorente il sonno fisiologico. Un trattamento di linfodrenaggio eseguito a regola d’arte regala rilassamento, leggerezza, fiducia e confidenza nel proprio corpo.
  • Ortopedia. Il linfodrenaggio è utilissimo nella rieducazione motoria dopo immobilizzazione delle articolazioni, abbreviando i tempi di recupero funzionale e migliorandone il livello. È efficace in tutti i processi cronici che interessano ossa e articolazioni (es. l’artrosi) contrastando l’aggravarsi dei fenomeni patologici. È utile nel recupero di contusioni, epicondilite, epitrocleite, strappi muscolari, lesioni di tendini e legamenti.
  • Medicina dello sport. Il linfodrenaggio consente un più rapido recupero della muscolatura dopo lo sforzo fisico; insieme al massaggio muscolare miofasciale, è indispensabile per la prevenzione degli strappi muscolari.

Controindicazioni

Il linfodrenaggio è controindicato in caso di malattia acuta accompagnata da febbre e sintomi di infezione, poiché lo svuotamento meccanico dei linfonodi potrebbe immettere nella circolazione cariche batteriche o virali. È altrettanto controindicato in caso di neoplasia, sospetta o accertata, poiché lo svuotamento dei linfonodi potrebbe immettere nella circolazione cellule neoplastiche e diffonderle nell’organismo.

Il linfodrenaggio è controindicato in caso di asmaflebitetrombositromboflebitescompenso cardiacoiper o ipotiroidismo.

massaggi_linfodrenante

Durata del trattamento: 50 minuti.
Costo del trattamento : 30€.